Work based learning come strategia di intervento per la formazione e l’inclusione sociale. Indicazioni e innovazioni da un progetto europeo

L’articolo discute i principali risultati di un progetto europeo dedicato allo scambio – tra partner di diversi Paesi (Austria, Belgio, Gran Bretagna, Turchia, Portogallo e Italia) – di pratiche riguardanti la metodologia del Work Based Learning (WBL) nei sistemi di formazione professionale. Il progetto ha rivolto un’attenzione specifica al contributo del WBL a sostegno di strategie di inclusione per soggetti svantaggiati. Fra i diversi risultati del progetto, l’articolo presenta, in particolare: un profilo di competenze del formatore WBL; i risultati di una sessione formativa – che ha adottato metodologie attive e visite ad esperienze – per formatori impegnati in attività di WBL. Nella parte finale dell’articolo, vengono formulati alcuni consigli e suggerimenti circa le prospettive del WBL nelle attività formative. Parole chiave: Work Based Learning, Formazione, Inclusione sociale.

LEGGI TUTTO l’articolo che trovi a pp. 95-111 di RICERCAZIONE Vol.9 n.1 – Six-monthly Journal on Learning Research and Innovation in Education – June 2017.

Photo by Nathan Dumlao on Unsplash

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!