NEET e comunità locali

di Tiziano Salvaterra

Sul tema dei NEET da quando l’Unione Europea ed in particolare l’Eurofund nel 2012 ha pubblicato un report (Eurofund 2012) dal titolo “NEET’s: Young people not in employment, education or training; Characteristics, costs and policy responses in Europa” si è aperto un ampio dibattito a livello accademico, sul versante politico, del mondo del lavoro, e nell’associazionismo giovanile. Molte sono state le posizioni assunte:

  • in parte orientate a sottolineare la vulnerabilità sociale di questo segmento di popolazione,
  • altri hanno posto l’attenzione verso il lavoro in quanto, secondo questa posizione, la popolazione NEET può trovare nel mondo del lavoro uno strumento per uscire da questo status e ritornare nella “normalità”.

Ma è nel 2016 che l’Eurofund (Eurofund 2016) con un rapporto particolarmente curato, evidenzia in maniera definitiva che il popolo NEET è composto da diverse categorie, accumunate solo dal fatto di non frequentare una scuola, di non essere in formazione professionale e di non lavorare, mentre per altri aspetti sono decisamente diverse, tanto da collocarsi a volte nella popolazione attiva ed altre nella popolazione inattiva. A seguito di questo intervento autorevole, dimostrato con dati raccolti da Eurostat, il dibattito si è concentrato sull’analisi di questa nuova impostazione nelle diverse nazioni europee e sull’individuazione di altre classificazioni in grado di offrire ulteriori spiegazione ed interpretazioni del fenomeno. Accanto alle ricerche sul campo, si è sviluppato un ampio confronto sulle politiche che a livello comunitario, nazionale e regionale sono possibili per offrire alle componenti del mondo NEET in difficoltà stimoli per uscire dallo stato di vulnerabilità e di esclusione sociale.

Minore è stata l’attenzione verso il ruolo che le comunità locali possono recitare nell’aiutare la popolazione NEET a:

  • recuperare ragioni di senso,
  • cogliere opportunità di inserimento nella vita della comunità,
  • avere supporto nella gestione di momenti difficili nel passaggio verso la condizione

Il presente studio si inserisce in questo contesto con l’intento di avviare alcune riflessioni sul rapporto mondo NEET e comunità locale cercando di comprendere come le istituzioni locali ed i mondi vitali possono essere di supporto, stimolo, aiuto, verso giovani NEET che desiderano uscire dal loro status. L’approfondimento viene condotto tenendo in considerazione l’articolazione di questo segmento di popolazione cosi come proposto da Eurofund nel 2016.

Il lavoro è articolato in tre parti:

  • una prima parte di introduzione, con un excursus sui linguaggi e le tema- tiche prese in esame nel corso degli ultimi cinque anni da parte di studiosi e organizzazioni che a diverso titolo hanno indagato il mondo NEET,
  • segue la presentazione della consistenza del fenomeno, delle cause che favoriscono l’ingresso di un giovane in questo mondo, dei comportamenti che i giovani NEET tendono ad assumere e le politiche che a livello comunitario e nazionale sono state attivate nei loro confronti,
  • infine nella terza parte l’attenzione viene posta sul rapporto NEET e comunità locali cercando di capire come le diverse categorie che formano la popolazione NEET si rapportano con il loro contesto e come la comunità potrebbe aiutare i NEET che lo richiedono o necessitano di

 

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO di Tiziano Salvaterra

 

 

 

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!