MANIFESTO “PRIMA IL FUTURO PRIMA I GIOVANI”. LA PROPOSTA N.8: GLI HUB TERRITORIALI

La proposta di intervento n.8 del Manifesto “Prima il Futuro, Prima i Giovani” prevede la COSTITUZIONE DI HUB TERRITORIALI,  intesi come connettori prima che luoghi,  dotati di professionalità adeguatamente formate, che operino NELLA COMUNITA’ LOCALE in una logica di 1) intermediazione tra tutte le organizzazioni locali e 2) di orientamento e accompagnamento del giovane verso il mondo adulto, ovvero nella transizione dai percorsi formativi all’inserimento nella comunità locale.

Un inserimento che non è solo professionale, ma anche e innanzitutto culturale e sociale.
La questione giovanile non è infatti da riferirsi solamente al tema del lavoro, anzi non è sul lavoro che va impostata.

Diventare grandi non è solamente lavorare e percepire un reddito. Così come l’obiettivo del Paese non solamente introdurre nuovi lavoratori nel sistema produttivo e al suo ammodernamento. Bensì creare nuovi cittadini. Obiettivo più ampio, che include il primo ma che non si limita ad esso.

Per diventare grandi è determinante il porsi in dialogo con la cultura del contesto in cui si vive, sviluppare relazioni con le istituzioni e le organizzazioni, condividere letture e visioni, sperimentare proposte, partecipare di un’atmosfera, scegliere di appartenere, sentire il senso dell’avere delle radici .

[Sia detto per inciso che un giovane che partecipa , che è incluso, che ha maturato l’intelligenza del contesto, che ha sviluppato relazioni e reti trova più facilmente non solo una collocazione professionale in grado di valorizzare carismi, conoscenze e competenze. Bensì  tutto questo arricchito dal sentimento di contribuire al benessere di una comunità di persone della quale si fa parte. Il calo demografico e lo sviluppo tecnologico  metteranno  in evidenza la richiesta di professionalità vecchie e nuove. Il lavoro sarà un problema minore per chi sarà stato aiutato ad indossare le giuste lenti e il giusto approccio al contesto].

Diventare grandi significa partecipare a 360° alla vita della propria comunità. La democrazia senza partecipazione è vuota. Eppure capita spesso di indurre i giovani a pensare che la scelta più logica sia spostarsi laddove il lavoro è più moderno e retribuito, e così – insieme a loro – trascuriamo le altre dimensioni che incidono sulla qualità della vita. Che percorsi di vita nascono da questa semplificazione? E quale comunità?

Il valore della partecipazione deriva dal valore del radicamento.

Non cambia se nel proprio paese o in quello di adozione. Ci si può sentire sradicati a casa propria come altrove. Ecco perché le comunità locali e il Paese in generale deve dotarsi degli strumenti necessari per proporre ai futuri adulti uno scenario organico di PARTECIPAZIONE INTELLETTUALE, CULTURALE, SOCIALE , PROFESSIONALE … POLITICA. Non scarnificato perché ridotto a uno di questi termini, tendenzialmente il più tangibile, il lavoro. (Qualcuno parlerebbe di approccio sistemico o olistico).

L’intermediazione fra i soggetti locali come istituzioni, agenzie educative, mondo della cultura , privato sociale e tessuto produttivo (nessuno dei quali attualmente riesce né probabilmente può da solo esprimere una proposta organica e completa come quella sopra descritta) sarebbe una delle due metà del lavoro dell’hub.
L’altra, “relazionale” con i giovani, consisterebbe nell’accompagnarli v
erso le opportunità e le esperienze che il tessuto socio-economico – istituzionale può proporre. Opportunità appunto: sociali, professionali, di partecipazione civica. Opportunità che si dischiudono a partire dalle relazioni.

Una funzione che potrebbe in tanti casi risultare determinante per quei giovani – cresciuti in situazione di povertà educativa, culturale e materiale – che difficilmente trovano quel supporto che – quando arriva – può cambiare la vita.

 

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!

Cliccando Download accetto di essere inserito nella newsletter di Giovani e comunità locali.

You have Successfully Subscribed!